Il cinema: pre-testo e meta-testo nella ricerca storica

«L'immaginario è storia tanto quanto la Storia», scrive Marc Ferro nel suo Cinema e storia, e, per quanto gli studiosi ortodossi e puristi considerino ambiguo l’impiego della cinematografia nella ricerca storica, è indiscutibile l’assunto di Ferro, quanto quello di Febre e Block, per i quali il cinema consente innanzitutto di ottenere preziose informazioni sul periodo in cui il materiale è stato prodotto. Un film, infatti, è fonte diretta di un’epoca, perché testimonia paesaggi, comportamenti, ecc; è fonte indiretta, perché riflette la mentalità e l’immaginario del periodo in cui è stato prodotto; è fonte diretta e indiretta ad un tempo, perché strumento di propaganda e costruzione del consenso negli stati totalitari, ma anche nelle democrazie liberali.

Dopo comprensibili ma troppo durature resistenze, la scuola comprende l’opportunità di ricorrere al cinema, non certo come svago o come stimolo caldo troppo “anestetizzante” in questo mondo di sollecitazioni audiovisive che rendono sempre più videns l’uomo contemporaneo, ma come strumento divulgativo. La concorrenza dei mezzi di comunicazione di massa è imbattibile, per questo la scuola ha dovuto riconsiderare le potenzialità dell’audiovisivo e studiarne finalità formative per una sua applicazione didattica funzionale e coerente.

Il progetto didattico Breve come un secolo propone agli studenti delle classi quinte la visione di film di argomento storico, che abbiano come contenuto episodi significativi della storia contemporanea difficilmente affrontabili nel programma di Storia. Ciascun film sarà debitamente presentato nel suo aspetto contenutistico dai docenti del dipartimento di storia e filosofia che hanno aderito al progetto, al fine di creare negli studenti una forma di pre-comprensione utile a coinvolgere emotivamente nei fatti narrati ed a creare un interesse più motivante allo studio.

Curata dal prof. Gaetano Panella, la rassegna non trascurerà di fornire agli allievi informazioni sulle componenti testuali, extratestuali ed intratestuali del film, suggerendo spunti di approfondimento, letture, tecniche interpretative, elementi per la decodifica… I film, scelti nell’ambito della produzione autoriale internazionale, trattano argomenti che vanno dalla Seconda guerra mondiale ai fatti di Genova del 2001, passando per gli anni di piombo, le code di regime totalitario, la questione israelo-palestinese, la rivoluzione sandinista, la guerra in Bosnia…

Le proiezioni saranno effettuate nell’Aula Magna del Liceo Scientifico G. Rummo a partire dalle ore 14:30. Il progetto contribuisce al credito scolastico. Chiunque non fosse riuscito ad avere la copia cartacea dell’opuscolo informativo Breve come un secolo può scaricarne la versione in PDF in allegato.

prof. Gaetano Panella

torna all'inizio del contenuto